Ricerca

Giornata della Memoria …

GIORNO DELLA MEMORIA, TARGA POSATA NELLA STORICA SEDE DEL LICEO CLASSICO ‘NEVIO’

Utente CEIS03300E-psc

da Ceis03300e-psc

0

GIORNO DELLA MEMORIA, TARGA POSATA NELLA STORICA SEDE DEL LICEO CLASSICO ‘NEVIO’ A S. Maria Capua Vetere, nel Giorno della Memoria celebrato nella splendida cornice del Salone degli Specchi del Teatro Garibaldi, alla presenza di un nutrito parterre che ha visto unite le istituzioni del territorio con personalità del mondo della cultura, l’imperativo a non dimenticare la barbarie nazifascista e le sue vittime è venuto da neodiplomati del Polo liceale ‘Amaldi-Nevio’, che, in un ideale passaggio di testimone, hanno consegnato agli studenti del liceo e degli Istituti comprensivi della città, nonché alla cittadinanza accorsa numerosa, gli esiti di una loro ricerca storica già premiata dall’Accademia dell’Arcadia nell’ambito del concorso scolastico nazionale ‘Che storia!’, valso una pubblicazione nella prestigiosa collana. I ‘giovani storici’ lo scorso anno avevano portato alla luce la vicenda di Giovanni Barbera, dal 1940 professore di storia e filosofia nella storica sede del liceo-ginnasio ‘Cneo Nevio’ (allora ‘Tommaso di Savoia duca di Genova’), nel ‘44 deportato al Campo di Fossoli, nella Baracca 18, ospitante gli internati antifascisti, poi finito tra i 67 fucilati il 12 luglio 1944 nella strage al Poligono di tiro di Cibeno. Alla guida della ricerca, che ha preso le mosse dal ricco patrimonio archivistico del liceo fondato nel 1883, la giovane Prof.ssa Natascia De Gennaro: «in un presente turbato all’orizzonte da eventi drammatici, l’esercizio di interrogare e riesaminare la storia, soprattutto quella locale, si rivela un’importante palestra di impegno civile. Col metodo rigoroso della ricerca, ma non senza emozioni, abbiamo ricostruito una piccola ma importante tessera della storia della città e del suo importante liceo, di cui mi fregio di essere ex allieva». A suggello di una mattinata di letture e riflessioni sul tema della memoria storica, una targa posata dall’Amministrazione comunale in memoria del giovane intellettuale è stata svelata dalle mani della Dirigente scolastica Prof.ssa Rosaria Bernabei e dalla Dott.ssa Chiara Cimmino, pronipote di Giovanni Barbera: «i corridoi e il cortile di questo liceo straripano di storia, e questa targa, posta tra numerose vestigia di un passato illustre, è un’ulteriore conferma della sua lunga tradizione formativa, che continua con successo tuttora» afferma orgogliosa la prima. «Sono felice che la ricostruzione della vicenda esemplare del mio avo trovi proprio in questo liceo la sua prima pietra d’inciampo. Ho respirato questa mattina un fermento culturale e una benevola accoglienza come in pochi altri luoghi. Tornerò senz’altro» aggiunge la seconda, dopo aver donato agli astanti una testimonianza di profondo valore umano e civile che, con la targa, entrerà a pieno titolo nella memoria storica del prestigioso liceo.

GALLERIA FOTOGRAFICA